Montignano
Il castello, che sorge poco distante da Santa Maria in Pantano, in posizione collinare, apparteneva al feudo degli Arnolfi, nei secoli X e XI, viene ricordato in un documento dell’abbazia di Farfa del 1115 co [...]
Villa San Faustino
Il castello di Villa San Faustino fece parte anch’esso, nei secoli X e XI delle terre Arnolfe (citato in documenti dell’abbazia di Farfa del 1115 e 1118). Il castello, connesso con l’importante pieve di S [...]
Colpetrazzo
Castello costruito tra la fine del 1300 ed i primi anni del 1400, conserva ancora intatta la sua struttura medioevale. Di notevole interesse la porta d’ingresso, oltre la quale si trova la piccola chiesa di S [...]
Mezzanelli
Il castello di Mezzanelli , che sorge in posizione strategica, ha seguito le sorti dei vari dominatori che ne hanno gestito la vita politica; un tempo parte del feudo degli Arnolfi, il castello è stato citato [...]
Castel Rinaldi
Castel Rinaldi: Borgo medioevale, costruito, secondo la tradizione, nel 1160 da un tal "Rinaldo duca di Calabria", Castel Rinaldi fece parte anche del feudo dei conti Arnolfi. [...]
Viepri
Il borgo fortificato di Viepri è avvolto dalle alte colline circostanti che, chiamate per secoli ad assicurarne la difesa, sembrano ancora oggi continuare a nasconderlo. Costruito dopo il 1380 sulle rovine del [...]
I Monti Martani
I Monti Martani :La catena dei monti Martani si trova al centro dell'Umbria e si estende, con un andamento regolare da sud a nord, per circa 45 chilometri, tra le province di T [...]
Castelvecchio
Il borgo si presenta oggi con una veste molto diversa da come doveva apparire nel Medioevo: rimangono, oggi, solo alcuni ruderi nascosti dalla vegetazione spontanea che ha ripreso possesso del rilievo sul quale [...]

Ricette Tipiche

PICCHIARELLI CON I PIZZAGIALLI

INGREDIENTI :

PER LA PASTA

  • Farina tipo O
  • Acqua q.b
  • Un pizzico di sale

PER IL SUGO

  • Pizzagialli
  • Aglio
  • Peperoncino
  • Sale
  • Pomodoro
  • Olio di oliva

Impastare la farina con l’acqua q.b ed un pizzico di sale. Stendere la sfoglia un po’ spessa, farla asciugare poi tagliare i picchiarelli. Far soffriggere in una teglia l’olio di oliva, peperoncino, uno spicchio di aglio, aggiungere i pizzagialli tagliati a pezzettini, sale. Fare cuocere poi aggiungere la passata di pomodoro. Cuocere in acqua salata i picchiarelli, scolarli, condirli con il sugo, ripass arli al fuoco in una teglia, aggiungendo del pecorino e alla fine il prezzemolo tritato.

 

CINGHIALE ALLA CACCIATORA

Far marinare  la carne di cinghiale fresca o congelata a bagno in una bacinella con acqua fredda, un po’ di vino rosso, aglio, cipolla, rosmarino, salvia, carota, sedano, prezzemolo, alloro e serpollo almeno 12 ore.

Scolare la carne, buttare tutti gli odori e spezzettarlo a pezzettini piccoli.

Metterlo in una casseruola con olio di oliva abbondante, peperoncino e gli odori frullati (aglio, cipola, sedano, carota, foglie di alloro, rosmarino, salvia, serpollo, capperi e alici) aggiunger il sale q.b.;

Far cuocere un po’ poi aggiungere acqua mischiata con vino rosso, le bacche di ginepro.

Quando è quasi cotto aggiungere le olive nere e la passata di pomodoro.

 

PALOMBA ALLA GHIOTTA 

Ingrediente principale sono le palombe, una specie di piccione selvatico caratterizzato da una carne abbastanza dura e saporita.

Cuocere allo spiedo o al forno le palombe cospargendole con olio e sale qb., posizionando al di sotto delle stesse un contenitore per raccogliere l'olio e il grasso che scolano dalla carne.

Nel frattempo cuocere le interiora in un capiente tegame di terracotta, insaporendole con 6 bicchieri di vino rosso, 1/4 di bicchiere di aceto di vino, due spicchi di aglio, 1/2 bicchiere di olio di oliva, 1/2 limone intero, rosmarino, salvia e olive nere.

Il tutto deve cuocere a fuoco lento per almeno tre ore in modo da far rapprendere il liquido. Infine , macinare il tutto e immergere nella salsa le palombe cotte (ma non troppo) e fatte a pezzi: cuocere ancora per dieci minuti.

Servire in piatti fondi e accompagnare il tutto con abbondante pane cotto a legna ( la cosa più buona sarà la "scarpetta!) e un buon vino rosso locale.

 

FARAONA ALLA LECCARDA

 

Un piatto umbro, tipico della cucina Massetana. Un secondo semplice ed abbastanza veloce da preparare e poi...state sicuri che riscuote sempre un notevole successo tra gli ospiti. La carne della faraona, in questa ricetta viene spezzata e cotta in tegame con tutti gli aromi e i fegatini, che poi verranno passati per creare una salsa ricca e saporita da adagiare sopra la carne ed accompagnare con gustosi crostini di pane bruscato.

 

INGREDIENTI :

  • 1 faraona
  • Sedano,Carota, Cipolla
  • 2 spicchi di Limone
  • Rosmarino e Salvia
  • Fegatini di Pollo
  • Olive nere denocciolate
  • Sale e Pepe
  • Olio
  • Vino bianco un bicchiere

Lavate bene la faraona, eventualmente spiumatela e fiammeggiatela. Tagliarla a pezzi. Passatela ancora sotto l’acqua corrente, irroratela con del vino bianco e fatela scolare.Lavate e tagliate a pezzetti i fegatini di pollo. Mettete in un tegame capiente l’olio, la cipolla tagliata grossolanamente, il sedano e la carota, fate appena soffriggere. A questo punto mettete nel tegame la faraona spezzata, il rosmarino e la salvia e farla rosolare leggermente.

A questo punto aggiungere anche i fegatini.  Quando anche questi saranno rosolati aggiungete il vino sulla carne e fate evaporare. Aggiungere gli spicchi di limone e le olive. Regolare di sale e pepe.

Portate a cottura ( circa 50 min.) con il coperchio. Dapprima completamente chiuso e poi leggermente socchiuso. Quando la carne sarà cotta, adagiate la faraona su di un piatto di portata, togliere la salvia ed il rosmarino e passare nel mixer tutti gli altri ingredienti ( la cipolla, la carota, le olive e i fegatini di pollo). Lasciate il limone da parte potrebbe rendere amara la salsa, ma poi servitelo perchè è veramente gustoso!

Ne risulterà una crema densa e saporita, assaggiatela per poi poterla aggiustare di sale. A questo punto nappate la faraona con la sua salsa, operazione che potrà essere fatta direttamente sul piatto da portata, oppure sul tegame.

Servite con delle bruschettine di pane umbro ( senza sale).

 

PICCIONE IN SALMI'

INGREDIENTI :

  • 2 piccioni
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • prezzemolo
  • salvia
  • rosmarino
  • alloro
  • vino bianco
  • aceto
  • 1 acciuga
  • 1 spicchio di aglio
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe

Preparazione : Pulite, lavate e tagliate a pezzi i piccioni; metteteli in tegame a rosolare assieme ad un battuto di cipolla, carota, sedano, prezzemolo e un giro di olio. Aggiungete qualche foglia di salvia, il rosmarino sminuzzato, alloro, due dita di vino bianco e altrettanto di aceto. Salate e pepate, lasciando poi cuocere per un'ora circa. Togliete dal tegame i piccioni e passate il sugo di cottura attraverso un colino; una volta filtrato, vi unirete l'acciuga spinata, lo spicchio d'aglio pestato e un pò di aceto. Rimettete i piccioni nel tegame con il sugo e fate insaporire per qualche minuto. Servite con crostini di pane fritti. 

 

NOCIATA

 

INGREDIENTI :

  • 1 Kg di miele
  • 800 gr di noci tostate e pulite togliendo tutta la pellicina marrone
  • 10 chiare d’uovo
  • Buccia d’arancio tritata finissima

 

Mettere in una pentola possibilmente di rame, il miele e portarlo a 30 gradi, aggiungere le chiare dell’uovo, mescolando di continuo. Cuocere a bagno maria e a fuoco lento per la prima ora poi portare l’acqua in ebollizione fino a quanto non è cotta
mescolando di continuo. Per provare la cottura occorre prendere con la punta di un coltello un po’ di pasta e schiacciarla su una spianatoia per vedere la durezza. Preparare la spianatoia con i fogli dell’ostia. Quando la nociata è cotta aggiungere le noci tostate e la buccia di arancio, togliere dal fuoco, e poi stenderla sulla spianatoia, fare tutti pezzettini ed incartare con carta bianca e metterci ai due lati una foglia di alloro.

 

  

 

 

Sagra del Buon Mangiare
Appuntamento di prova
Sagra della Polenta

Itinerari Turistici

Andar per Castelli….tra storia e leggenda
9,2 Km – Itinerario fruibile in auto e in bici Il percorso inizia con la visita del centro storico di Massa Martana, (Itin [...]
Martana Trekking
Il Martani Trekking è un progetto di itinerari escursionistici per valorizzare la catena montuosa che  si estende per circa 35 km da nord verso sud in Umbria centrale. Realizzato agli inizi degli an
La Via Flaminia Vetus…tra età Romana e Medioevo
Km 6,5 – Fruibile in auto o bicicletta L’itinerario che meglio descrive le peculiarità del territorio massetano, comprende l’area

Strutture ricettive

Ristoranti
Residenze d'epoca
Alberghi
Case e appartamenti vacanze
Bed & breakfast
Agriturismi